Facebook
Instagram
YouTube
Linkedin
Top

Allenamenti Specifici

Dopo un’attenta valutazione individuale tramite il test FMS  Functional Movement Screen (www.functionalmovement.com) vengono allenate tutte le qualità motorie più importanti in funzione delle proprie esigenze quotidiane e sportive (ad esempio raccogliere un peso da terra, spingere o fare una trazione con gli arti superiori e inferiori, trasportare dei pesi, correre, lanciare e cambiare direzione etc.)

Ogni seduta di allenamento è suddivisa in varie fasi:

1. Riscaldamento: per prepararsi al meglio per affrontare l’allenamento e limitare il rischio di infortuni. La fase di riscaldamento può comprendere:

  • Esercizi di respirazione: rieducazione ad una corretta meccanica respiratoria attraverso la mobilizzazione del diaframma (respiratorio e pelvico) e della gabbia toracica).
  • Release miofasciale: rilascio delle eccessive tensioni muscolari ed eventuali contratture muscolari attraverso l’utilizzo di foam roller e palline
  • Stretching e mobilità: aumento della flessibilità e della mobilità articolare attraverso varie tecniche
  • Attivazione muscolare(si attivano i principali muscoli e schemi di movimento che verranno coinvolti durante l’allenamento)
  • Esercizi dinamici: andature, marce, movimenti globali, bike o scalette.

2. Allenamento della potenzae dell’agilità: si tratta di esercizi pliometrici come per esempio i salti, i lanci con palle mediche, o più semplicemente possono essere esercizi di coordinazione o andature eseguite con maggiore velocità (molto utile in quanto queste abilità tendono a ridursi con l’avanzare dell’età).

3. Circuito di forza: comprende generalmente tutti gli schemi movimento utili sia nella vita quotidiana che nel gesto atletico con l’utilizzo di pesi, elastici, kettlebell, barre, anelli etc

  • esercizi di “spinta” (es. piegamenti sulle braccia o spinte con manubri)
  • esercizi di “tirata” (es. rematore o trazioni alla sbarra)
  • esercizi ginocchio dominante(es. squat e affondi)
  • esercizi anca dominante(es. stacco da terra e stacco ad una gamba)
  • esercizi addominali e di Core Stability (allenamento dei muscoli che “abbracciano” la colonna vertebrale (muscoli addominali e toraco-lombari), fondamentali per la stabilità e salute della nostra schiena ma anche per il trasferimento delle forze agli arti durante movimenti dinamici.

4. Condizionamento cardiovascolare per la stimolazione dei sistemi energetici (aerobico e anaerobico). Si tratta di attività come la corsa, i salti con la corda e pedalate con la bike.

Insomma, se vuoi allenarti in modo completo e sicuro, per ritornare in forma, per dimagrire o per migliorare le tue performance questo allenamento è quello che fa per te.

Il circuito di forza comprende generalmente tutti gli schemi di movimento utili sia nella vita quotidiana che nel gesto atletico:

  • esercizi di spinta orizzontale (es. piegamenti sulle braccia o spinte con i manubri)
  • esercizi di spinta verticale (es. spinte con braccio sopra la testa)
  • esercizi di tirata orizzontale (es. rematore)
  • esercizi di tirata verticale (es. trazioni alla sbarra)
  • esercizi ginocchio dominante (es. squat, affondi)
  • esercizi anca dominante (es. stacco e stacco ad una gamba)
  • esercizi di Core Stability – allenamento dei muscoli che “abbracciano” la colonna, (muscoli addominali e toraco-lombari), fondamentali per la stabilità e salute della schiena ma anche per il trasferimento delle forze agli arti durante movimenti dinamici.

Tutti questi esercizi possono svolgersi a corpo libero o con l’ausilio di attrezzature specifiche come manubri, kettlebell, elastici.

L’ultima fase è il condizionamento cardiovascolare per la stimolazione dei sistemi energetici (aerobico e anaerobico). Si tratta di attività come la corsa, i salti con la corda e pedalate con la bike, a ritmo costante o intervallato. 

Se vuoi allenarti in modo completo e sicuro, per ritornare in forma, per dimagrire o per migliorare le tue performance, questo è quello che fa per te!