Facebook
Instagram
YouTube
Linkedin
Top

Benessere

Pilates

La disciplina nota come Pilates prende il nome dal suo creatore Joseph Pilates, il quale già intorno ai primi decenni del 1900 ideò e sviluppò una serie di esercizi volti a rinforzare la muscolatura, ad aumentare la flessibilità e a migliorare lo stato di salute generale.  Joseph Pilates è stato un visionario per  il suo approccio rivoluzionario all’esercizio che permette a chiunque di raggiungere l’obiettivo di un corpo migliore indipendentemente dal punto di partenza, con la consapevolezza e la responsabilità di avere questo potere nelle proprie mani.

Gli esercizi vengono svolti a corpo libero su tappettino (matwork), eventualmente con l’ausilio di piccoli attrezzi (roller, magic circle, palle di diverse dimensioni e bande elastiche) o su attrezzature appositamente realizzate (Reformer, Cadillac, Chair, Barrel).

La tecnica si basa sulla connessione tra mente e corpo; ogni esercizio viene eseguito prestando particolare attenzione alla respirazione, alla tecnica di esecuzione adeguata e rispettando schemi motori altamente efficienti.

Impareremo ad allineare il corpo perfettamente prima di iniziare un esercizio e poi ci concentreremo sui singoli gruppi muscolari, lavorando senza creare tensione in altre aree. Gli esercizi sono apparentemente semplici, anche minimi, ma così efficaci che non è necessario eseguire più di dieci ripetizioni di ciascuno in una sessione.

Entro poche settimane dall’inizio i muscoli saranno più tonici, le articolazioni saranno più elastiche e la postura nella vita di tutti i giorni migliorerà rafforzando i muscoli profondi del corpo.

Se hai problemi alla schiena, una volta compreso il motivo di dolori e fastidi, imparerai a padroneggiare i movimenti della colonna vertebrale e avrai gli strumenti per alleviare o prevenire eventuali problemi futuri. Coloro invece che sono già in forma scopriranno modi nuovi ed efficaci di esercitare e tonificare i loro corpi.

Pilates richiede una concentrazione totale per percepire le sensazioni nei muscoli: È la mente stessa che costruisce il corpo” perché si impara ad ascoltare il proprio corpo e a capire cosa fare per mantenersi sani.

Yoga

Oggi lo Yoga è inteso, specialmente in occidente, come una pratica che unisce mente+corpo+spirito e possiamo definirlo come la “pratica della stabilità e dell’equilibrio interiore“, un metodo per liberarci dai condizionamenti esterni e riconoscere la profondità di noi stessi.

Centrale è il ruolo della respirazione: il respiro (prana) guida i movimenti e, seguendone il ritmo, la mente si libera dai pensieri. Esercitarsi nello Yoga aiuta in primo luogo a rilassarsi, a distendere mente e corpo e a percepire l’unitarietà della propria persona, cioè siamo quello che sentiamo con il corpo.

In questo modo lo stress diminuisce, cala il rischio di ansia e depressione e dolori cronici si alleviano. Diventiamo quindi più flessibili fisicamente così come nel modo di ragionare.

L’Hatha Yoga che propongo prevede l’esecuzione delle asana (posizioni che favoriscono il fluire del respiro, il raccoglimento e la concentrazione) con un approccio all’ascolto e al rispetto dei propri limiti. Uno yoga “hatha” (ovvero “della forza”), in quanto richiede un notevole sforzo, però la parola hatha significa anche sole e luna e rappresenta l’unione di questi due opposti sottointendendo il superamento di qualsiasi antitesi. Nell’Hatha Yoga ogni dualità mira infatti a essere trascesa affinché ogni parte del nostro essere possa funzionare in equilibrio e in armonia.

La via dello Yoga richiede essenzialmente l’apertura a se stessi e agli altri, la disponibilità all’ascolto profondo, silenzioso e attento del proprio corpo e del proprio sentire. Questo atteggiamento apre la strada alla trasformazione, al progressivo superamento dei propri blocchi e al fiorire di una fisicità consapevole, in equilibrio con la mente e con il cuore.